differenza pulizia e sanificazione condizionatore

L’estate ha tardato un po’ad arrivare, ma finalmente le giornate calde sono iniziate e con loro la ricerca di un luogo fresco nel cui stare. In questa lotta contro l’afa uno dei nostri migliori alleati è sicuramente il condizionatore, macchinario che riesce in poco tempo a rinfrescare la zona creando un ambiente più piacevole in cui stare. In questa guida parleremo delle differenze tra ordinaria manutenzione e sanificazione dei condizionatori nelle nostre case.

Per quanto salvifici anche i condizionatori possono nascondere delle insidie, come tutti gli elettrodomestici che spostano aria all’interno dell’ambiente questi sono dotati di filtri e parti in cui eventuali particelle e agenti patogeni possono via via accumularsi per poi venire rilasciati nell’aria e infettare le persone presenti.

Per scongiurare questa evenienza è bene ricorrere ad una frequente manutenzione, pulizia ma soprattutto sanificazione del macchinario. Dobbiamo precisare che pulizia e sanificazione sono due procedimenti apparentemente simili ma che nascondono sostanziali differenze.

Cos’è la pulizia del condizionatore

Per pulizia si intende quell’insieme di processi attraverso cui si rimuove la sporcizia e i residui dalle superfici esterne ed interne del condizionatore. La pulizia è più semplice di un processo di sanificazione e può essere effettuato anche personalmente tramite alcuni accorgimenti e utilizzando determinati prodotti, leggi la nostra guida sulla manutenzione fai da te del condizionatore.
In primo luogo è necessario munirsi di tutte le protezioni del caso che possono consentirci di evitare il contatto con i germi, parliamo quindi di mascherine, guanti e occhialini.
Una volta equipaggiati si può iniziare rimuovendo il coperchio dell’elettrodomestico, eseguendo una prima pulizia sulla parte superficiale con la quale rimuoveremo tutta la polvere che si è insinuata. Con un panno in microfibra e uno sgrassatore potremo approfondire in modo maggiore la pulizia rimuovendo anche eventuali incrostazioni formatesi nel tempo.

Dopo la pulizia superficiale si può passare ai filtri. Se questi sono filtri ai carboni attivi sarà necessario rimuoverli, valutare quali siano quelli ancora utilizzabili e lavarli.

Se parliamo invece di filtri normali dobbiamo estrarli dal macchinario con molta delicatezza, dopodiché pulirli con un panno o con un aspirapolvere per poi lavarli.

La sanificazione del condizionatore

La differenza cardine che intercorre tra pulizia e sanificazione sta nella profondità del trattamento.
La sanificazione, infatti, è un processo molto più efficiente, che non solo rimuove la sporcizia ma permette di distrugge virus, batteri e funghi totalmente, tra cui la legionella trasmessa dai condizionatori. Questo processo consente di ottenere un climatizzatore sicuro al 100% in quanto l’aria che espellerà sarà sempre totalmente salubre.

Importante mettere in evidenza che mentre la pulizia può essere effettuata senza sanificazione, la sanificazione non può essere effettuata senza prima pulire. Questo processo prevede infatti tutti i passaggi precedentemente elencati quando abbiamo parlato della pulizia con l’aggiunta dell’utilizzo di prodotti specifici per la distruzione di virus e batteri. Spesso questi prodotti sono venduti in bombolette spray e possono essere usati su alcune superfici del condizionatore come filtri e bocchette dell’aria.

I condizionatori e il Covid-19

Quest’anno, dopo l’emergenza Coronavirus, in molti stanno esitando all’utilizzo dei climatizzatori per paura che questi possano essere veicolo di trasmissione della patologia. C’è da stare tranquilli, secondo le ricerche scientifiche non esiste la possibilità che il virus venga trasmesso attraverso queste macchine. Tuttavia l’ISS ha disposto delle regolamentazioni sull’utilizzo dei condizionatori nei locali, nei luoghi pubblici e nelle case oltre che alla loro disinfezione.

Secondo le norme prima di iniziare l’utilizzo del condizionatore sarà necessario eseguire una sanificazione dei filtri, consigliano inoltre di mantenere le temperature sempre tra i 24 e i 26 gradi centigradi assicurandosi che ci siano ricambi d’aria della durata di qualche minuto per più di una volta al giorno.

Importante non provare a sanificare o pulire i condizionatori utilizzando il gel disinfettante sulle loro superfici, come detto esistono prodotti appositamente pensati per questo scopo. Utilizzare i gel potrebbe portare all’inalazione di sostanze pericolose da parte delle persone che occupando l’ambiente in cui opera la macchina.

Infine precisiamo che nel caso il condizionatore sia in utilizzo in un ufficio bisogna assicurare un continuo scambio dell’aria e disattivare la funzione di ricircolo.

In conclusione

Insomma, pulizia e sanificazione sono due processi distinti, la pulizia è più superficiale e non permette di rendere il condizionatore completamente libero da agenti patogeni, la sanificazione invece, eseguita tramite prodotti specifici, elimina la totalità delle minacce. Per ciò che concerne il Coronavirus le paure sono infondate, il contagio può avvenire solo tra esseri umani, ma non bisogna trascurare l’importanza di una corretta manutenzione del condizionatore, in quanto da questo elettrodomestico passa l’aria che respiriamo.

Devi sanificare il tuo impianto di condizionamento? Rivolgiti ad Emilia Impianti, i nostri tecnici sono specializzati per eseguire interventi di manutenzione ordinaria e sanificazione dell’impianto, leggi le recensioni dei nostri clienti.

condizionatori modena e reggio emilia

Emilia Impianti è rivenditore ufficiale e installatore qualificato Mitsubishi Electric. Da 20 anni installiamo condizionatori a Modena e Reggio Emilia, lavoriamo con serietà e professionalità, portando nuova aria nelle vostre case.

Contattaci

Emilia Impianti
Via Garibaldi 28/A Campogalliano (MO)
Tel 059.52.63.93
Manutenzioni: 059.85.15.07
emiliaimpianti03@gmail.com